INSTABILITA'

Instabilita’ sacroiiaca
Spesso misconosciuta, in realta’ l’ instabilita’ sacroiliaca e’ causa di lombo-sacralgia in una percentuale di casi che varia dal 5% al 25%. Il comune “mal di schiena” viene spesso erroneamente attribuito alla patologia degenerativa discale come l’ernia o la protrusione/disidratazione -praticamente presente nei soggetti di eta’ superiore a 20 anni in una percentuale compresa tra il 48% e il 75%-: in realta’, in particolare per le donne, una instabilita’ sacroiliaca anche modesta e’ causa di un dolore lombare o sciatalgico del tutto sovrapponibile a quello generato dalle altre patologie descritte.

Come riconoscere l’instabilita’ sacroiliaca
Per quanto esami neuroradiologici (TC/RM) possano a volte dimostrare -nei casi piu’ severi- alterazioni della articolazione sacroiliaca (edema infiammatorio, sclerosi ossea, degenerazione gassosa intraarticolare), e pur effettuando manovre fisiche sul bacino per testare il dolore nel paziente, l’unico metodo diagnostico che fornisce una diagnosi di certezza assoliuta rimane il test di denervazione dell’ articolazione sacroiliaca. In pratica si tratta di iniettare, con un sottilissimo ago e grazie alla guida TAC, una minima dose di anestetico (solitamente Lidocaina), all’ interno dell’articolazione sospetta per infiammazione cronica. Il test conferma la diagnosi di sacroileite in caso di temporanea immediata scomparsa del dolore.

Come si cura l’instabilita’ sacroiliaca
1. Denervazione sacroiliaca. E’ l’intervento di prima istanza. Con semplici aghi da radiofrequenza viene denervata l’ articolazione sacroiliaca in pochi minuti e in anestesia locale, con una procedura de tutto simile alla denervazione delle faccette articolari.
2. Fusione sacroiliaca. E’ l’intervento prescelto in caso di persistenza del dolore nonostante la denervazione effettuata. Consiste nell’introduzione di piccole e sofisticate endoprotesi per via percutanea e in anestesia locale, in grado di saldare l’articolazione sacroiliaca ripristinandone la tenuta e impedendo il movimento innaturale che genera il dolore in questi pazienti.

VANTAGGI

Nessuna Anestesia generale, nessun rischio di cicatrici profonde, tempi d'intevrento e di degenza ridotti.

scopri di +
prof. luigi manfrè
Ambiti d'Intervento
Scopri tutte le aree d'intervento del Prof. Luigi Manfrè
CANALE VERTEBRALE
scopri di +
VERTEBRE
scopri di +
FACCETTE
scopri di +
INSTABILITA'
scopri di +
NEUROMODULAZIONE TC GUIDATA
scopri di +
Video
Alcuni video del Prof.Luigi Manfrè con iterventi su Rai 1 e Rai 3
Hai bisogno di prenotare una visita?
Contatta lo studio e verifica la disponibilità per la tua prenotazione
RICHIEDI APPUNTAMENTO