FACCETTE

IL DOLORE LOMBARE E LA MICROINSTABILITA' ASSIALE

La lombalgia e lombosciatalgia (comunemente detta "sciatica"), non sono da imputare sempre alla compressione dell'ernia sulla radice nervosa: spesso infatti si tratta di una semplice infiammazione delle articolazioni delle vertebre stesse. Le Faccette Articolari costituiscono i punti di contatto tra gli archi posteriori delle vertebre, e suppliscono in parte al carico gravitazionario sulla colonna vertebrale.

La "Sindrome da faccette articolari"infiammate può mimare la stessa sintomatologia di un ernia discale. Il paziente avverte solitamente un dolore lombare (lombaglia), più frequente al risveglio mattutino, accompagnato da rigidità lombare e, saltuariamente, irradiazione a uno o entrambi gli arti inferiori, mimando una sciatica.

Per tale motivo, è indispensabile un attento esame, sia clinico che neuroradiologico, di questa importante area del rachide. la sindrome delle faccette articolari infiammate acuta, cioè perdurante da meno di 3 mesi, è suscettibile di trattamento infiltrativo con farmaci (in genere cortisonici) o altri agenti antiinfiammatori (ozono) iniettati a livello delle stesse faccette mediante un sottile ago e guida TAC

Nei casi di dolore intrattabile, non responsivo alla terapia farmacologica o perdurante da più di 6 mesi è possibile invece la distruzione dei piccoli nervi sensitivi delle faccette stesse (nervi zigo-apofisari) mediante radiofrequenza o Denervazione, un trattamento semplice, rapido (15 minuti circa) e indolore, che determina nella maggior parte dei casi la scomparsa definitiva del dolore lombare.

Nei casi di dolore comunque persistente anche dopo denervazione, è possibile eliminare la lombalgia da instabilità delle faccette articolari semplicemente bloccandone il movimento mediante l'inserimento - sempre in semplice anestesia locale e con metodica TCguidata di due piccole microviti transarticolari: in questo modo si evita che le articolazioni siano causa di dolore per un loro eccessivo movimento, senza che venga alterata in alcun modo la fisiologica flessibilità del rachide del paziente.

VANTAGGI

Nessuna Anestesia generale, nessun rischio di cicatrici profonde, tempi d'intevrento e di degenza ridotti.

scopri di +
prof. luigi manfrè
Ambiti d'Intervento
Scopri tutte le aree d'intervento del Prof. Luigi Manfrè
CANALE VERTEBRALE
scopri di +
VERTEBRE
scopri di +
FACCETTE
scopri di +
INSTABILITA'
scopri di +
NEUROMODULAZIONE TC GUIDATA
scopri di +
Video
Alcuni video del Prof.Luigi Manfrè con iterventi su Rai 1 e Rai 3
Hai bisogno di prenotare una visita?
Contatta lo studio e verifica la disponibilità per la tua prenotazione
RICHIEDI APPUNTAMENTO